Lasciati sbagliare

Mondello ©Ljus av Balarm

Ci sono quei momenti nella vita, quelli in cui senti il bisogno di deporre le tue armi e riappacificarti con il mondo, fermandoti e respirando al ritmo naturale del pianeta.

Il Mare facilita questo desiderio, con la sua risacca e il suo moto mai uguale. Il mare al tramonto di dicembre ancora di più, soprattutto se per giorni, prima, ha piovuto e allora la sabbia è compatta e sostiene il peso dei passi, dei pensieri. E ti ritrovi sotto un cielo di nuvole nere che però sanno schiudersi per offrirti i colori del sole che cala dietro la montagna.

Non può esserci solitudine, in uno scenario così, solo intimità con se stessi, con le proprie emozioni e i dubbi e, a volte, le proprie paure che – protette dall’abbraccio delle nuvole – diventano naturali e non sono più barriere.

L’imbrunire progredisce e non puoi fermarlo, puoi solo guardarlo, stupirtene, ammirarlo e innamorartene. Così impari – o forse rammenti – che non tutto è nelle tue mani, che tante cose non puoi controllarle né sono tua responsabilità.

E ti senti sollevata e rinnovata, nel saperti fallibile.

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.